Yuval Noah Harari: il mondo dopo il Coronavirus

Tempo di lettura: 5 minuti

This storm will pass. But the choices we make now could change our lives for years to come
Queste le parole dello storico israeliano Yuval Noah Harari.

Yuval Noah Harari: il mondo dopo il Coronavirus

Le decisioni che prenderemo durante la pandemia di coronavirus determineranno i cambiamenti delle nostre società anche quando supereremo la malattia.  Le decisioni prese da persone e governi nelle prossime settimane probabilmente daranno forma al mondo per gli anni a venire. Formeranno non solo i nostri sistemi sanitari ma anche la nostra economia, politica e cultura.

In questo momento di crisi, affrontiamo due scelte particolarmente importanti. La prima è tra sorveglianza totalitaria e responsabilizzazione dei cittadini. La seconda è tra l’isolamento nazionalista e la solidarietà globale. 

Sorveglianza sotto la pelle

Per fermare l’epidemia, intere popolazioni devono rispettare alcune linee guida. Ci sono due modi principali per raggiungere questo obiettivo. Un metodo è per il governo di monitorare le persone e punire coloro che infrangono le regole. Oggi, per la prima volta nella storia dell’umanità, la tecnologia consente di monitorare tutti continuamente.

Il caso più notevole è la Cina. Monitorando attentamente gli smartphone delle persone, facendo uso di centinaia di milioni di telecamere con riconoscimento facciale e obbligando le persone a controllare e riferire la temperatura corporea e le condizioni mediche, le autorità cinesi possono non solo identificare rapidamente i sospetti coronavirus, ma anche tenere traccia dei loro movimenti e identificare le persone con cui sono entrati in contatto. Una serie di app mobili avvisa i cittadini della loro vicinanza ai pazienti infetti. 

Negli ultimi anni sia i governi che le società hanno utilizzato tecnologie sempre più sofisticate per tracciare, monitorare e manipolare le persone. Tuttavia, se non stiamo attenti, l’epidemia potrebbe tuttavia segnare un importante spartiacque nella storia della sorveglianza. Non solo perché potrebbe normalizzare il dispiegamento di strumenti di sorveglianza di massa nei paesi che finora li hanno respinti, ma ancora di più perché indica una drammatica transizione dalla sorveglianza “over the skin” a “under the skin”. 

La tecnologia di sorveglianza si sta sviluppando a rotta di collo, e ciò che sembrava fantascienza 10 anni fa è oggi una vecchia notizia. Considera un governo ipotetico che richiede che ogni cittadino porti un braccialetto biometrico che controlli la temperatura corporea e la frequenza cardiaca 24 ore al giorno. I dati risultanti vengono raccolti e analizzati da algoritmi governativi. Gli algoritmi sapranno che sei malato anche prima di conoscerlo, e sapranno anche dove sei stato e chi hai incontrato.

Oggi ogni nostro clic può essere tracciato e può dire qualcosa sulle nostre opinioni politiche e forse anche sulla nostra personalità. Ma riuscendo a monitorare cosa succede alla nostra temperatura corporea, pressione sanguigna e battito cardiaco, si potrebbe tracciare cosa ci fa ridere, cosa ci fa piangere e cosa ci fa arrabbiare davvero. 

Se le aziende e i governi iniziassero a raccogliere i nostri dati biometrici in massa, potrebbero conoscerci molto meglio di quanto noi conosciamo noi stessi e quindi non solo potrebbero predire i nostri sentimenti, ma anche manipolarli e venderci tutto ciò che vogliono – sia esso un prodotto o un politico.

Ovviamente, si potrebbe sostenere la sorveglianza biometrica come misura temporanea presa durante uno stato di emergenza. Le misure temporanee però hanno la brutta abitudine di sopravvivere alle emergenze, soprattutto perché all’orizzonte c’è sempre una nuova emergenza.

Negli ultimi anni è scoppiata una grande battaglia per la nostra privacy. La crisi del coronavirus potrebbe essere il punto di svolta della battaglia. Perché quando le persone possono scegliere tra privacy e salute, di solito scelgono la salute.

Il monitoraggio centralizzato e le punizioni severe non sono l’unico modo per far sì che le persone rispettino le linee guida benefiche. Quando le persone vengono informate dei fatti scientifici e quando le persone si fidano delle autorità pubbliche per dire loro questi fatti, i cittadini possono fare la cosa giusta anche senza un Grande Fratello che vegli sulle loro spalle. Una popolazione auto-motivata e ben informata è di solito molto più potente ed efficace di una popolazione ignorante e controllata

Invece di costruire un regime di sorveglianza, non è troppo tardi per ricostruire la fiducia delle persone nella scienza, nelle autorità pubbliche e nei media. Dovremmo sicuramente utilizzare anche le nuove tecnologie, ma queste tecnologie dovrebbero dare potere ai cittadini.

Se potessi monitorare le mie condizioni mediche 24 ore al giorno, imparerei non solo se sono diventato un pericolo per la salute di altre persone, ma anche quali abitudini contribuiscono alla mia salute. E se potessi accedere e analizzare statistiche affidabili sulla diffusione del coronavirus, sarei in grado di giudicare se il governo mi sta dicendo la verità e se sta adottando le giuste politiche per combattere l’epidemia.

L’epidemia di coronavirus è quindi un importante test di cittadinanza. Se non riusciamo a fare la scelta giusta, potremmo ritrovarci a rinunciare alle nostre più preziose libertà, pensando che questo sia l’unico modo per salvaguardare la nostra salute.

Yuval Noah Harari: il mondo dopo il Coronavirus

Abbiamo bisogno di un piano globale

La seconda scelta importante che affrontiamo è tra l’isolamento nazionalista e la solidarietà globale. Sia l’epidemia stessa che la conseguente crisi economica sono problemi globali. Possono essere risolti efficacemente solo attraverso la cooperazione globale. 

I paesi dovrebbero essere disposti a condividere informazioni apertamente e chiedere umilmente consigli e dovrebbero essere in grado di fidarsi dei dati e delle intuizioni che ricevono. È inoltre necessario uno sforzo globale per produrre e distribuire apparecchiature mediche, in particolare kit di test e macchine respiratorie. Invece di ogni paese che cerca di farlo localmente e accumula qualsiasi attrezzatura possa ottenere, uno sforzo globale coordinato potrebbe accelerare notevolmente la produzione e garantire che le attrezzature salvavita siano distribuite in modo più equo. Proprio come i paesi nazionalizzano le industrie chiave durante una guerra, la guerra umana contro il coronavirus può richiedere di “umanizzare” le linee di produzione cruciali. Un paese ricco con pochi casi di coronavirus dovrebbe essere disposto a inviare attrezzature preziose e personale medico in un paese più povero con molti casi, sia per aiutarlo nell’ora del bisogno, sia per acquisire preziose esperienze.

La cooperazione globale è di vitale importanza anche sul fronte economico. Data la natura globale dell’economia e delle catene di approvvigionamento, se ogni governo fa le proprie cose in totale disprezzo degli altri, il risultato sarà il caos e una crisi sempre più profonda. Abbiamo bisogno di un piano d’azione globale e ne abbiamo bisogno in fretta.  Un altro requisito è raggiungere un accordo globale sui viaggi. La sospensione di tutti i viaggi internazionali per mesi causerà enormi difficoltà e ostacolerà la guerra contro il coronavirus. I paesi devono cooperare per consentire ad almeno un rivolo di viaggiatori essenziali di continuare ad attraversare i confini: scienziati, medici, giornalisti, politici, uomini d’affari. Ciò può essere ottenuto raggiungendo un accordo globale sulla preselezione dei viaggiatori da parte del loro paese d’origine. Se sai che solo i viaggiatori attentamente schermati erano ammessi su un aereo, saresti più disposto ad accettarli nel tuo paese. 

L’umanità ha bisogno di fare una scelta. Percorreremo la via della disunione o adotteremo la strada della solidarietà globale? Se scegliamo la disunione, ciò non solo prolungherà la crisi, ma probabilmente porterà a catastrofi ancora peggiori in futuro. Se scegliamo la solidarietà globale, sarà una vittoria non solo contro il coronavirus, ma contro tutte le future epidemie e crisi che potrebbero assalire l’umanità nel 21 ° secolo.

Condividi su: